×

Attenzione

Direttiva europea 2009/136/CE: tutela della vita privata nelle comunicazioni elettroniche

Questo sito utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la gestione ed altre funzioni. Navigando all'interno di questo sito lei accetta che questo tipo di cookies vengano inviati al suo browser.

Non ha accettato che i cookies vengano scaricati sul suo computer. Se vuole può cambiare questa decisione.

Segrate Nostra c'è!

lacittametropolitanainvisibiler

Lunedì 13 luglio, alle ore 18, si riunisce il Consiglio comunale: lo sapevate?

La notizia si trova sul sito del Comune e sulla sua pagina Facebook ma, al momento, non c'è nessun manifesto in giro per il paese.
Questa abitudine - nessun manifesto cartaceo che annunci i Consigli comunali - è da alcuni mesi che va avanti e non ci piace: non tutti usano il pc, non tutti navigano in Internet e non tutti hanno un account in Facebook.
Anzi.

Segrate Nostra da sempre ritiene fondamentali partecipazione e trasparenza e per questo chiede che le riunioni del Consiglio comunale non siano un affare privato tra gli addetti ai lavori ma siano quanto più possibile vissute dai cittadini.
Ci auguriamo quindi che dal prossimo Consiglio la pubblicizzazione torni ad essere rivolta anche ai "cittadini non digitali", come ci auguriamo che l'orario degli incontri torni alle 20.30, così da dare la possibilità anche alle persone che lavorano di vivere le scelte amministrative di Segrate.

In attesa del tanto sospirato streaming...

Segrate, 10 luglio 2015

Marco Italia
Segrate Nostra

camper micheli 1024x683La campagna elettorale entra nel vivo! Sarà un viaggio a tappe con un’andata (di ascolto) e un ritorno (di proposta) attraverso tutti i quartieri segratesi. Un tour in camper di due mesi partito questa mattina dal piazzale di via XXV Aprile a Segrate che terminerà il 31 maggio in occasione delle elezioni comunali.

Abbiamo pensato che una sede elettorale fissa non fosse proponibile per una città come Segrate divisa in 7 quartieri con specificità differenti e per una nostra visione futura di partecipazione e massima vicinanza e attenzione nei confronti dei cittadini. Da qui l’idea di utilizzare il camper per incontrare direttamente la gente nelle frazioni. Stazionerà ai mercati, davanti alle scuole, alle Chiese e nei punti di grande affluenza in modo che tutti possano ricevere informazioni e formulare idee e proposte. Chiunque mi potrà incontrare in queste occasioni.

Sono già previsti 12 incontri. Si parte mercoledì prossimo 15 aprile al centro civico di Milano 2 (ore 21), per trasferirsi il giorno seguente 16 aprile a Redecesio e Lavanderie (ore 21 al centro civico di Redecesio). Nel viaggio di ritorno il camper ospiterà anche amici come Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, l’onorevole pioltellese del Pd Simona Malpezzi, i vicesindaci di Milano Lucia De Cesaris e della Città Metropolitana Eugenio Comincini e Umberto Ambrosoli, leader dell’opposizione in Regione Lombardia.

In città si avverte l’esigenza di una ventata di aria fresca e di ottimismo. Ora sì che si può davvero cambiare.

Segrate, 9 aprile 2015

Paolo Micheli
Candidato Sindaco di Segrate

semaforoverdeTutti i cittadini di Segrate sono invitati alla conferenza stampa che darà il via ufficialmente alla campagna elettorale di Paolo Micheli, candidato sindaco alle elezioni comunali del 31 maggio 2015.

L'appuntamento è per questo giovedì 9 aprile alle ore 11 sul piazzale del palazzetto dello Sport di via XXV Aprile a Segrate.
Nell'occasione saranno presenti i rappresentanti dei partiti e delle liste civiche che compongono la coalizione che sosterrà Micheli: Partito Democratico, Lista Micheli-Segrate Nostra, Scelta Civica e Sinistra per Segrate.

La campagna elettorale di Paolo Micheli sarà caratterizzata in particolare da una serie di dodici incontri durante i quali toccherà tutti i quartieri segratesi: una sorta di viaggio a tappe all'insegna della partecipazione con un'andata e un ritorno nelle diverse frazioni che compongono il nostro Comune.
Si inizia da Milano 2, per trasferirsi poi a Redecesio-Lavanderie, Novegro, San Felice-Tregarezzo, Villaggio Ambrosiano-Rovagnasco-Boffalora, concludendo il tour a Segrate centro.

Seguiteci!

Segrate, 7 aprile 2015

Segrate Nostra

golfo agricoloSegrate, 5 febbraio 2015

Un nuovo quartiere di oltre 3000 abitanti. Un cantiere con una previsione di dieci anni di lavori e un investimento di oltre 600.000 euro. Palazzi, uffici, un albergo, un supermercato. Questo è il risultato che la famiglia Cantoni, comproprietaria attraverso la società Europa 2000 di gran parte (circa 660.000 mq) del Golfo Agricolo, vorrebbe conseguire dopo aver ottenuto l'edificabilità dei propri terreni grazie al PGT che Alessandrini e la sua maggioranza hanno approvato nel febbraio del 2012.

A giugno 2012 Europa 2000 ha presentato il progetto di preverdissement che è stato corretto più volte e completato solo due anni dopo. A fine ottobre 2013 Europa 2000 ha depositato in Comune il piano attuativo "attivando nel contempo - come è scritto in una delibera di Giunta del successivo dicembre - la procedura regionale per la verifica di esclusione della VIA".

Nel marzo 2014 Paola Brambilla, presidente di WWF Lombardia, e Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia, hanno scritto alla Regione chiedendo di respingere la richiesta di Europa 2000 e di decidere invece di sottoporre il piano di lottizzazione alla Valutazione di Impatto Ambientale come prevede il D.Lgs. 152/2006. Ho scritto anch'io, come cittadino segratese e consigliere regionale.

Gli uffici regionali ci hanno dato ragione e lo scorso dicembre è stato pubblicato un decreto che stabilisce che il progetto di lottizzazione del Golfo Agricolo deve essere sottoposto alla procedura di VIA.

La società Europa 2000, in persona dell'Amministratore unico Alessandro Cantoni, ha presentato un ricorso al TAR contro questa decisione della Regione coinvolgendo nella causa tutti coloro che vi hanno concorso, me compreso sia come consigliere regionale che come privato cittadino segratese. L'azione legale di Europa 2000 è diretta anche contro il Comune di Segrate, contro tutta la nostra città.
Ritengo che la decisione della Regione sia corretta e che vada difesa.

Ma soprattutto, al di là degli interventi della magistratura che possono incidere molto sulle decisioni già prese, ritengo che debbano essere i cittadini a decidere il destino del proprio territorio.

E noi segratesi possiamo farlo, bocciando Alessandrini e la sua squadra e portando al governo di Segrate una nuova maggioranza che difenda e tuteli con la massima decisione il nostro territorio evitando ogni ulteriore consumo di suolo.

A maggio, tra 100 giorni, si vota.

Paolo Micheli
Capogruppo di Segrate Nostra

Segrate Nostra sostiene il ricorso al TAR firmato da WWF Martesana, Legambiente Lombardia e da 50 cittadini per salvare il Golfo Agricolo.
Sostienilo anche tu. Versa un contributo, anche di pochi euro.
Contatta il Comitato Golfo Agricolo - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o Segrate Nostra - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. per sapere come fare.

paolomicheliSegrate, 12 gennaio 2015

Cari amici,

si sono fatte sempre più pressanti negli ultimi giorni le sollecitazioni a essere il candidato a diventare il prossimo maggio il nuovo sindaco di Segrate alla guida di una coalizione che, dopo un ventennio di amministrazioni di centro destra, dovrà portare un forte cambiamento nella amministrazione della mia città.

E' una scelta difficile e impegnativa e rappresenterebbe per me un completo cambiamento di prospettive di vita personale oltre che politica. Ma per la mia città sono pronto a lasciare il consiglio regionale dove meno di due anni fa sono stato eletto con il Patto Civico di Umberto Ambrosoli, come impone la legge e come soprattutto richiede l'amministrazione di una città come Segrate

Intendo portare avanti questa possibilità con entusiasmo e determinazione, in primo luogo verificando quanto sia concretamente praticabile; andrò quindi a incontrare le liste civiche e i partiti segratesi disponibili a costruire con me un programma alternativo a quello dell'attuale amministrazione di centrodestra per parlare delle idee fondamentali del programma della coalizione che dovrà partire da una visione del futuro di Segrate, dalla difesa del territorio e da un'amministrazione trasparente più vicina ai cittadini.

Su questa strada ho avuto l'indispensabile sostegno di Segrate Nostra, la lista civica di cui sono tra i fondatori. Auspico parimenti che anche la sezione cittadina del Pd di Segrate ora faccia propria la richiesta di candidarmi che mi è già arrivata dalla Federazione provinciale.

Paolo Micheli

Capogruppo di Segrate Nostra